Sorriso strepitoso, piglio deciso, inconfondibile accento made in USA: ecco Renée Strauss, il mio “benvenuto” a Sì Sposaitalia, rassegna ben nota alla famosa bridal stylist, in visita a Milano.

Renée Strauss at Sì Sposaitalia 2012 - Picture by The Dress

Renée Strauss a Sì Sposaitalia 2012 - Foto The Dress

Renée Strauss crea, disegna e vende abiti a Beverly Hills fin dal 1982 ed è nota in tutto il mondo come consulente per film (ad es. il.guardaroba per due film con Julia Roberts: “Il matrimonio del mio miglior amico” e “Runaway Bride”) , programmi TV (tra cui E.R., Beverly Hills, NYPD Blue, General Hospital per 10 anni) e prodotti pubblicitari.
Tra le molte produzioni cui ha preso parte, si ricorda il guardaroba per Stephanie Seymour nel video della canzone “November Rain” dei Guns n’ Roses, tra cui il famosissimo abito da sposa lungo-corto disegnato da Carmela Sutera, passato alla storia e imitatissimo dalle spose.

Stephanie Seymour in "Novermber Rain" video by Guns n' Roses

Stephanie Seymour nel video di "Novermber Rain" by Guns n' Roses

Ovviamente la stilista vanta clienti VIP, come Paula Abdul, Rachel Welch, Kelly Preston e la stilista di abiti da sposa Monique Lhuillier che, come mi ha sottolineato Renée, è sua dirimpettaia di store.
Molte sono le attività che segue, sotto il marchio “Renée Strauss for Platinum Bride”, compresa la produzione di una linea personale di champagne, cui ha fatto dono anche alla stilista e amica Amelia Casablanca.

Amelia Casablanca withe Renée Strauss at Sì Sposaitalia - Picture by The Dress

Amelia Casablanca con Renée Strauss a Sì Sposaitalia - Foto The Dress

L’Italia è un Paese ben noto a Renée, avendo partecipato anche a Sì Sposaitalia dal 1994 al 2010 come rappresentante dell’industria bridal del Nord America.
Agli italiani invece Renée è nota soprattutto da quando è iniziata la programmazione di “Brides of Beverly Hills”, trasmissione della TLC che – sulla stregua di “Say yes to the Dress”, programma della stessa rete collegato al mega bridal store Kleinfeld di New York – mostra le sfide quotidiane di chi vende e acquista un abito da sposa in territorio VIP.

"Brides of Beverly Hills" - picture from globaltv.com

L’occasione della visita a Milano è ghiotta per chiedere a Renèe qualche curiosità sulla sua attività.
Cosa significa vestire una sposa a Beverly Hills?
“Sostanzialmente non è molto diverso dal vestire una qualunque altra sposa: l’obiettivo è farla sentire e apparire bella”.
Quali tipi di abito da sposa o stilisti vengono più richiesti?
“Alle mie spose non importa molto dei marchi; entrano nel mio salone affidandosi completamente a me, alla mia esperienza decennale in questo settore. Si fidano del mio giudizio, sanno che io non ho uno buon occhio ma due buoni occhi!”

Brides of Beverly Hills

Cosa significa lavorare in uno store così particolare?

“Store come il mio negli Usa sono solo 20, di cui 3 con propri programmi televisivi. Sicuramente la nostra è una clientela particolare, ma alcune dinamiche sono comuni a quelle che si riscontrano nei normali saloni”.
A questo proposito, cosa può dirci in merito al budget?
“La mia clientela contempla spose molto attente al prezzo degli abiti, ed altre “no budget”; queste due categorie alla fine si compensano. Comunque alla fine la spesa media per un abito da sposa nel mio salone è di circa 5.000 dollari”.

Brides of Beverly Hills

Brides of Beverly Hills

Quale modello di abito da sposa viene richiesto di più?
“Quasi tutte le mie spose vogliono sentirsi principesse. Persino una cliente che ho scoperto successivamente essere un’attrice per film vietati ai minori ha chiesto un abito da sposa da principessa. E questo mi fa anche pensare, come dico sempre: non sai mai chi potrebbe entrare da quella porta!”.
Renée si riferisce all’attrice per film vietati ai minori Diamond Foxxx, vista nel primo episodio di “Brides of Beverly Hills”, giunta al salone in cerca di un abito “sexy ma elegante” per il rinnovo delle promesse con il marito Ben Foxxx.

Negli ultimi anni abbiamo visto molti designer da sposa introdurre nelle proprie collezioni abiti in colori diversi dal bianco, specialmente rosa, azzurro, rosso, verde e persino nero. Che riscontro hanno questi colori nel suo salone?
“Molto poco. Tranne forse qualche modello in rosa, tutte le spose vogliono un abito in colore bianco o avorio, perché più vicino alla tradizione.”

Renée Strauss with Elisa Scarcella - The Dress

Renée Strauss con Elisa Scarcella di The Dress

Come riesce ad affrontare le “bridezillas” e le madri spesso isteriche che le accompagnano?
“Con la calma e con il sorriso. Le spose e le loro madri che mostrano nervosismo o si lasciano andare ad atteggiamenti di isteria hanno la mia comprensione perché penso che siano solo bambine dentro. La sposa si sente una bambina e anche la madre, quindi con pazienza e professionalità riusciamo sempre a trovare l’abito da sposa perfetto”.

Renée Strauss - picture frim slice.ca

Renée Strauss - foto da slice.ca

elisa_miniatura
Ti è piaciuto l’articolo di Elisa Scarcella?


Se desideri una consulenza personalizzata per trovare il tuo abito da sposa perfetto, clicca qui